I benefici sulla salute del caffè

Il caffè è una tra le bevande più consumate al mondo, in ogni parte del globo viene preparato in maniera diversa in modo da accontentare i gusti dei cittadini. Alcuni lo bevono tra i pasti, alcuni, addirittura come sostituto delle bavande a tavola durante pranzo o cena. Quello che non tutti sanno, però, è che il caffè ha anche effetti benefici sulla salute. 

Gli effetti benefici del caffè

Il caffè è una delle fonti primarie di antiossidanti. Anche se sembrerà strano, anche più delle razioni di frutta e verdura che si è portati a consumare giornalmente. Ma non è l’unico effetto benefico che è in grado di garantire sul nostro organismo.

Spesso,  infatti, si ignorano le sostanze nutritive contenute nel caffè. Esso contiene vitamina b2, alleata per la salute della pelle, degli occhi, vitamina b3, responsabile della salute del tessuto nervoso; vitamina b5 e manganese, che agiscono sulla trasformazione del cibo in energia; potassio e magnesio che contribuiscono all’efficienza del sistema cardiocircolatorio.

Molte persone invece consumano caffè di mattina per poter svegliarsi meglio. Questo effetto sulle funzioni celebrali è dato dalla caffeina, che migliora i livelli di energia. Questo perché tale sostanza è in grado di stimolare l’azione di neurotrasmettitori come la noradrenalina e la dopamina, dall’effetto energizzante. Tale effetto, inoltre, dilatando le pupille, aiuterebbe ad aumentare la vista. 

Inoltre, è stato condotto uno studio che ha messo in relazione il caffè ed il diabete. Bere caffè ridurrebbe il rischio di contrarre il diabete di tipo 2, poiché abbasserebbe la glicemia ed aumenterebbe il livello di insulina. Un’ulteriore interessante scoperta riguarda invece l’effetto del caffè sulle malattie neurodegenerative, in particolare Alzheimer e morbo di Parkinson. Bere il caffè aiuterebbe a ridurre il rischio di sviluppare entrambe queste problematiche in età avanzata.

Il caffè come alleato della dieta?

Per quanto concerne invece il rapporto tra il caffè e la dieta, da sempre sull’argomento ci sono pareri contrastanti. Secondo alcuni studi, il caffè riuscirebbe ad accelerare il metabolismo. Ovviamente se assunto senza zucchero e non in quantità eccessive. Se non si gradisce assumere caffè amaro, è meglio ridurre la quantità di zucchero piuttosto che far uso di dolcificanti.

Ciò che molti hanno constatato, è che il caffè comunque riesce ad attutire il senso di fame, e ciò sarebbe un valido aiuto per chi è a dieta indipendentemente dal rapporto con il metabolismo. In molte diete, il caffè viene consigliato da dietologi e nutrizionisti tra un pasto e l’altro proprio per questa sua proprietà “cancella fame”.

Al caffè, inoltre, molti esperti attribuiscono proprietà addirittura dimagranti, in quanto la caffeina riuscirebbe a stimolare le cellule adipose aiutandole a bruciare le riserve lipidiche. Secondo i fautori di questa teoria, per ottenere l’effetto bruciagrassi  andrebbe bevuta una tazzina di caffè rigorosamente amaro dopo i pasti. 

In molte diete, inoltre, è consigliato bere molto per eliminare i liquidi in eccesso. Anche in questo caso si può far utilizzo di caffè, perché la caffeina contenuta nella bevanda stimola la diuresi e contribuisce a purificare l’organismo da tutte le scorie in eccesso, attraverso la produzione di urina. 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.