Formaggio e rischi per la salute


Ancora oggi, c’è chi continua ad avere la convinzione che mangiare troppo formaggio possa fare male alla salute perché pieno di grassi e dunque, non considerato un alimento propriamente sano. Alcuni esperti ne sconsigliano un uso eccessivo perché ricco di colesterolo, ma è proprio così?

Secondo una recente indagine condotta da alcuni studiosi stranieri, è stato appurato che mangiare quotidianamente formaggio, si rivela dannoso per la salute. Basti pensare che la quantità di sale presente in una sola porzione di questo alimento è molto più alta rispetto ad una porzione di patatine confezionate, e non solo, ma se si considera altresì la percentuale di grassi, è molto più elevata rispetto ad altri alimenti proteici come la carne e il pesce.

Nello specifico, in 100 gr di carne ( a prescindere dalla tipologia), sono presenti dal 2% al 6% i lipidi, mentre le calorie sono tra le 100 e le 120, mentre in 100 gr di pesce ( che sia merluzzo, trota, sogliola, cernia, seppia e quant’altro, poco importa) sono contenuti tra lo 0,5% e il 3% i grassi, con un apporto calorico tra le 70 e le 100 calorie.

E il formaggio invece, quanti grassi contiene nel dettaglio?

Ebbene, prendendo in considerazione come quantità 100 gr, ogni tipologia di formaggio contiene una percentuale diversa di  lipidi e di calorie.

Nello specifico:

  • Crescenza, stracchino, mozzarella scamorza e fior di latte contengono circa il 25% di grassi, con un apporto calorico dalle 250 alle 300 kcal;
  • Robiola, fontina e gorgonzola hanno una percentuale di grassi intorno al 27%, mentre le calorie oscillano tra le 320 alle 340 kcal;
  • Caciocavallo, emmenthal, cacciotta, cheddar, grana, parmigiano e pecorino contengono circa il 30% di lipidi e le calorie intorno alle 400;
  • Mascarpone e burrini sono composti da oltre il 40% di grassi, con un apporto calorico tra le 400 e le 500 kcal.

L’unico formaggio che contiene una percentuale di grassi inferiore è la ricotta. In 100 gr è presente l’11% (se il latte è quello di vacca) o il 17%( se il latte è di bufala), in entrambe le tipologie le kcal sono tra le 150 e 200. 

Quali sono i fattori di rischio se si mangia troppo formaggio?

Quando si consuma moderatamente del formaggio, la pressione sanguigna tende ad aumentare e la conseguenza di questa condizione è che la circolazione comincia a rallentare perché il sangue diventa più viscoso, e non solo, ma sia i grassi saturi e il colesterolo presenti inducono ad un innalzamento del colesterolo, e chi soffre di malattie cardiache o comunque è predisposto alla patologia suddetta, il rischio di essere vittima di infarti o ictus cerebrale è molto alto.

Il formaggio entra nella dieta abituale troppo spesso, e a volte è proprio lui il principale protagonista del regime alimentare, lo si mette ovunque. Ma un costante apporto di grassi favorisce un aumento di peso con la conseguenza di giungere all’obesità, e le complicanze che con il tempo possono insorgere sono diverse: dislipidemia, patologie cardiovascolari, diabete e molte altre malattie. 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.